Archive for the ‘Apple’ Category

ahhhhh….il progresso

luglio 19, 2010

partecipare oggi ad un congresso qualsiasi è uno spasso, mentre prima ci si addormentava ora si può anche rimanere svegli (oddio qualcuno ancora si comporta come tradizione vuole) sia in platea che sul palco.

Una volta ai relatori al di là del comodo pulpito, invaso da bottiglie d’acqua e microfoni, che in quel momento non stavano intervenendo, di solito calava la palpebra fino a reclinare di botto la testa da una parte o dall’altra salvo poi soprassedere di colpo come punti da uno spillo.

Ora, non è più così. Ognuno è munito di uno, due e a volte anche tre telefonini multifunzioni e, con le orecchie a pizzo sull’intervento del collega per annuire o negare quando necessario, muovono freneticamente le dita per digitare messaggi, leggere la posta elettronica o anche, perché no, giocare con i video-giochi. Alcuni ridono altri fanno la faccia preoccupata, chi tira un sospiro di sollievo e chi scuote la testa.

Per non assistere a tale spettacolo indecente, dirigi lo sguardo altrove , verso la platea e ti accorgi che la maggior parte dei presenti se non dorme sta anch’essa saltellando nervosamente con le dita sulla microscopica tastiera del cellulare.

Quanti soldi lo Stato risparmierebbe, anche in “telefonate di servizio”, se si abolissero questi siparietti comici? Ma non è questo il punto.

Piuttosto: una volta si diceva “sono impegnato in un congresso” per scaricare mogli, mariti, amanti, parrucchieri, amici. Ora è il contrario, sono questi ultimi a non essere più liberi quando ti sanno ad un congresso. Ahh… il progresso!

è arrivato l’oggetto del desiderio degli yuppie: l’Iphone

luglio 11, 2008

esce oggi il nuovo gioiello, che tanto gioiello poi non è, della scienza e della tecnica, tanto all’avanguardia che Piero Angela e il suo Prof. Trombetta stanno organizzando un numero speciale di Superquarck.

Di che sto parlando? Ma dài, è ovvio, scontato, prevedibillismo, sto parlando del nuovo oggetto del desiderio di tutti gli yuppie di italica origine: l’Iphone.

Con esso si può fare di tutto tranne che telefonare perchè, a parte che costa caro chiamare un amico, s’inceppa non di rado e il collegamento ad Internet non è poi così sicuro come vogliono far credere.

E’ come l’Ipodtouch, se non hai un rooter in casa puoi scordarti di connetterti, lo dico per esperienza personale, ho infatti Alice adsl, superveloce, superqua e superlà, ma non posso collegarlo perchè non è compatibile con la miniport WAN (un codice di sicurezza completamente inutile ma che te devi tenè per collegarti ad Alice) e non si può bypassarla.

Se vado però al bar sottocasa, che ha il wi-fi gratuito, posso finalmente collegarmi ad Internet.

Aspettate un attimo ad acquistarlo, lasciate che venga tarato nel modo giusto per l’Italia e che i prezzi, sia di acquisto (costa talmente tanto che conviene andare a comprarlo direttamente alla Apple di New York) che di canone telefonico, si abbassino e non di poco.

Prenderlo ora e come se al circo avessero inventato i funamboli senza fili. Vi fidereste?

nb: bene e ora chi non l’ha ancora fatto vada a votarmi (4° gruppo) su http://gossipstyle.altervista.org/wordpress/ 

GO!!!

iPod-touch, che sòla!!!

gennaio 23, 2008

46996_l.jpg 

attratto dalle mille possibilità applicative che l’iPod touch della Apple vanta di poter offrire, ne ho dunque acquistato uno da 8/gb al modico prezzo di 299 dollaroni americani (quand’ero a NY).

Prezzo conveniente non c’è che dire rispetto a quello italiano (299 euro) ma, risultando totalmente obsoleta la funzionalità principale di questo aggeggio – ci si può connettere ad Internet solo in determinate circostanze – sarebbe stato ancor più conveniente non acquistarlo.

La “sòla”, come si dice dalle mie parti, è consistente, l’apparecchio non prevede infatti la connessione ad Internet attraverso la miniport WAN (PPPoE) che è la più usata.

E che vor dì???

La miniport WAN (PPPoE) è’ il riconoscimento personale della linea alice-adsl, o altre, di casa. Mi spiego. Chi ha il wireless casalingo e accende il pc, esso automaticamente rileva la rete e si connette senza però navigare in Internet, per poterlo fare si deve infatti cliccare sull’icona di alice adsl  e, dopo che ti appare la finestra col tuo nome e cognome e password, cliccare su connetti e sei pronto per navigare.

L’iPod touch non prevede questo procedimento, pertanto, te la prendi, anzi, te lo tieni in saccoccia perchè non ti serve a niente se non si collega ad Internet in casa.

Non ti resta che ascoltarci la musica, vedere foto o filmati e niente più, come tutti i comuni player in commercio a pochi soldi.

Credevo di aver comprato qualcosa di “tecnologicamente avanzato, innovativo” ed invece è solo un pallottoliere!

ps: spero che qualcuno possa smentirmi e darmi una dritta che mi consenta di riprendere l’iPod touch dalla saccoccia.