al mercato delle schiave, prendi tre e paghi due

solo nell’Europa occidentale, sono cinquecentomila le donne, pardon, le prostitute, e le adolescenti, pardon, le giovani prostitute, che sono state costrette, ma che dico, pregate gentilmente ad entrare nel mercato del sesso.

La loro presenza sulle strade e nei bordelli è inversamente proporzionale al dissesto economico e sociale provocato dalle guerre che hanno nell’est europeo sconvolto milioni di famiglie.

La criminalità ha attinto a piene mani tra la fame e la povertà di questi paesi prelevando con la forza o l’adescamento, migliaia di aspiranti “prostitute” che non vedevano l’ora di cambiare aria e vivere nel lusso con guadagni facili.

Le “fortunate” non vengono scelte da concorsi di bellezza per diventare veline di “Striscia la notizia” ma piuttosto vengono in genere individuate e vendute da “amici carissimi”, che hanno a cuore il loro futuro, ad organizzazioni del “settore” e chi cerca di fuggire viene subito consolata e premiata con botte e sevizie, violenze ed abusi, reclusione e vigilanza, se non addirittura con qualche coltellata che la manda all’ altro mondo.

Le più giovani, ancora bambine, sono le più maltrattate e le più sottomesse perchè più fragili, soggiogate e sole. Pare siano moltissime.

In genere, sono tutte adescate perchè convinte di espatriare per andare a fare le baby-sitter o le bariste ma oltrepassato il confine presto si accorgono di avere solo sognato e di non aver più il passaporto nella borsa perchè i loro benefattori glielo hanno requisito. Quindi, se qualcuna ci ripensasse sa bene che non potrebbe andare lontano.

Ci sono poi le prostitute (infibulate?) dell’Etiopia, del Sudan, del Senegal, della Nigeria e di altri paesi africani dove altre guerre hanno devastato tutto. Se non arrivano dal Marocco, dall’Egitto, dalla Libia e dall’Arabia, una ragione ci deve pur essere. Forse perchè in questi paesi non ci sono guerre e la povertà è comunque dignitosa?

Tralascio la situazione mondiale ma per chi vuole farsi un’idea dell’argomento basta che digiti su Yahoo o Google la ricerca “mercato delle schiave” e potrà rendersi conto direttamente di quanto sia piacevole fare la prostituta.

E c’è ancora chi pensa che una larga maggioranza di chi fa la prostitita lo fa per i guadagni facili. Un mestiere facile facile, molto gratificante dal punto di vista umano come professionale, non c’è che dire!

Potremmo ormai comparare i delitti delle prostitute alle morti bianche sul lavoro.

26 Risposte to “al mercato delle schiave, prendi tre e paghi due”

  1. Graziano Says:

    verissimo, ora ho letto che ne è sparita un’altra, sempre a Lecco.

  2. Graziano Says:

    Speriamo lo recepiscano, basta farlo girare!

  3. Graziano Says:

    pure la mia è nota!😀

  4. newyorker Says:

    graziano, insomma, come dire…io butto lì l’idea e vediamo che succede😉

  5. Miskappa Says:

    Esistono anche le studentesse che, per comprare il cellulare nuovo o l’ultimo modello di motorino, fanno le escort.Ma quello è un altro discorso.
    Quello di cui tu parli è una dura e cruda realtà.
    Ciao New, il lavoro mi porta in montagna oggi. Ti auguro un buon fine settimana lungo. Divertiti e rilassati e lunedì di nuovo sul campo di battaglia.
    Baci baci.
    A.

  6. Miskappa Says:

    P.S……io pure🙂

  7. lisa72 Says:

    Quel che è poi ancora più triste è che quelle che riescono a non finire nel giro e lavorano come badanti (e diciamolo che alcuni anziano sono un po’ pesanti da sopportare tanto che si preferisce pagare un’estranea per occuparsene piuttosto che farlo noi stessi!) spesso sottopagate vengono additate come rubalavoro e i loro figli (parlo perchè lo vedo a scuola dei miei) evitati come le zecche perchè sono romuni… hanno la peste!!!!!!!!!
    Credo che ci manchi molto senso della realtà…😦
    Un caro abbraccio prima del ponte lungo che, spero, di passare fuori casa🙂
    Lisa

  8. nelsoncocker Says:

    La fame è una brutta cosa😦

  9. roselia Says:

    l’ho già scritto da te…
    donne soggiogate in tutto e per tutto dai loro aguzzini, credo che una sofferenza così non abbia fondo

    ciao New passa un buon lungofinesettimana! qui il cielo è di un grigiume pesante…uff…

  10. xeena Says:

    Argomentaccio, sempre donne schiacciate da questi uomini bastardi, che vita e che tristezza :((
    Buon fine settimana Niú.

  11. emma Says:

    forse l’ho già raccontato da qualche parte, comunque, ho conosciuto parecchie prostitute nigeriane, una su un treno, una mezza dozzina mi hanno ospitata in casa loro a bra, cuneo.
    sono dure e fiere. protettive.
    tristi, alcune ottimiste.
    i loro racconti di dolore sono frettolosi, amano il silenzio e ciacolano come matte tra di loro nel loro inglese smangiucchiato, ma quando segui si ritraggono come tigri ferite.
    argomento forte, NY, da donna anche di più. grazie.

  12. ilgambero Says:

    Leggo ma non mi pronuncio. Credo, almeno lo spero🙂, sia chiara la mia posizione😦

  13. newyorker Says:

    miskappa, buon fine settimana anche a te
    lisa, buon fine settimana anche a te
    nelson, meglio un osso
    rosalia, buon fine settimana a te
    xeena, buon fine settimana anche a te
    emma, buon fine settimana allora
    gambero, lo è, buon fine settimana

  14. francesca Says:

    ma queste persone che “la pensano così”…guadagni facili facili…sono solo delle bestie New. Conosco bene l’argomento perché insieme ad altre cinque “colleghe di penna” sto scrivendo un libro sul maltrattamento delle donne e quindi anche delle prostitute

  15. melania Says:

    Questo è veramente un argomento forte, qualcosa che rattrista e fa riflettere. A me piange il cuore a pensare a chi fa quella vita, che ci sia costretto o che lo faccia anche come scelta. Ma sarà mai veramente una libera scelta?
    Come dice Anna, ci sono anche le ragazzine che lo fanno per comprarsi il cellulare più alla moda o le scarpe o i jeans griffati, che in altro modo non potrebbero permettersi. Anche questo è molto, troppo triste. Capire l’errata scala dei valori che vengono inculcati alle nuove generazioni.

    Tu sei già scappato? In ogni caso, buon lungo weekend.
    Io, come avrai capito, sono un po’ infognata e non so bene cosa dovrò fare.

  16. Nausicaa Says:

    Metà della vita a sognare di scappare dai loro paesi per un futuro migliore e l’altra metà a pensare a qst sogno infranto…il tutto condito dallo sfruttamento e dai vari rischi del proprio “lavoro”….orribile!

  17. ilgambero Says:

    Buon fine settimana!

  18. Irish Coffee Says:

    alla base cosa cè?
    disinformazione? ignoranza?
    sicuro cattiveria da parte di chi non si fa scrupoli ad abusare della vita di una persona portandola alla rovina, ed alla morte in molti casi…
    leggi più dure ecco cosa mancano, pesanti
    forse forse qualcosa si risolve, forse…

  19. demi4jesus Says:

    Che triste realtà… ho sentito delle interviste strazianti a riguardo di ragazze davvero “prigioniere”, davvero costrette e davvero incapaci di liberarsi dal circolo di schiavitù in cui erano state intrappolate… non è uno scherzo, purtroppo, e se ci penso che al loro posto potevamo esserci noi..

  20. priedavat Says:

    ohilà!
    vedo che il signoramiametro è sempre a fondo scala.

  21. Graziano Says:

    qua ne sparisce una al giorno.

  22. arwen_h Says:

    sara’ un serial killer psicopatico con la fissa delle prostitute. strano che tra vespa e mentana non si siano ancora picchiati per fare puntatone sul sertial killer con ospiati alla csi…

  23. arwen_h Says:

    cmq basterebbe che la macchina della giustizia funzionasse, perche’ almeno a genova li vedi alle 6 del pomeriggio i magnacci che scaricano le prostitute dalle macchine… colti in flagranza di reato? niente scuse, processo per direttissima, e vedrai che le strade le ripulisci.
    poi, visto che gli uomini (scusate ma e’ vero) son porci e delle prostitute hanno bisogno (n’e’ vero che e’ il mestiere piu’ antico del mondo??) aprirei le case chiuse, statali, regolamentate, controllate. con parcelle, iva tasse. cosi’ chi lo vuole fare (perche’ c’e’ chi lo vuole fare, anche se sono una piccolissima percentuale) lo puo’ fare, ma almeno lo fa in un ambiente sano, controllato, pulito, con controlli sulle malattie veneree ecc. detto cio’ il primo che viene beccato che fa il magnaccio, si fa 20 anni di galera filo filo, senza 10 anni di processi, appelli e contro processi. se ti prendo, vai in gattabuia … subito.

  24. Graziano Says:

    Buona settimana!😀

  25. Walter Marini Says:

    Come al solito tutto è permesso per i più forti; siamo un popolo che consente la violenza in ogni sua declinazione ed i nostri rappresentanti impotenti se non conniventi gioiscono perche la squadra è in finale o con tanta ipocrisia vanno in chiesa a battersi il petto; che stato di diritto è il nostro : il diritto del più forte, del più cinico, del più delinquente; la storia è sempre uguale; duemila anni sono passati senza nessun cambiamento se non l’attribuzione autoreferente di una democrazia da operetta.

  26. newyorker Says:

    sono perfettamente d’accordo ( se sei su Twitter mi trovi al newyorker01)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: