progresso inverso

mani_castellana.jpg

non bisogna essere degli animalisti o amanti comunque degli animali per condannare con la maggior forza possibile e il massimo disprezzo il lento, crudele, inumano massacro del toro a colpi di lancia prescelto per il “tradizionale” sacrificio per la festa di Tordesillas in Spagna.

Il povero animale, liberato per le strade del paese, è stato inseguito a piedi e a cavallo da mascalzoni armati di lance e spade che lo hanno ripetutamente colpito finchè, stremato e dissanguato ma soprattutto umiliato, offeso, denigrato, spaventato, è stato”giustiziato” dal più idiota di tutti i paesani ponendo fine ad uno dei riti umani più osceni, sporchi, depravati.

E nessuno fa niente….specialmente in una Spagna che si vanta di essere all’avanguardia del progresso culturale europeo.

14 Risposte to “progresso inverso”

  1. lois lane Says:

    ..cmq..più avanti di noi..c’è di sicuro!

  2. animapunk Says:

    però vedi, dal manifesto che hai messo si vede che un movimento comincia ad esserci………. chissà come è andata questa manifestazione. Certo è una cosa talmente tradizionale in spagna che far entrare nella coscienza delle persone che è solo crudele sarà dura.

  3. newyorker Says:

    “e nessuno fa niente” a livello politico🙂

  4. newyorker Says:

    cara lois….un paese che conserva certe “tradizioni” così violente e primitive non può essere avanti all’Italia, da sempre culla culturale del mondo intero…

  5. animapunk Says:

    a livello politico ci si muove per interesse o se la gente si muove in modo significativo, se cominciasse ad esserci un movimento contro le corride all’interno del paese, e poi anche a livello internazionale, si muoverebbero anche i politici. In fondo sicuramente ci sono degli interessi dietro, come purtroppo in tutte le cose, ma non dovrebbero essere troppo stringenti, credo………quindi penso che se l’opinione pubblica si muove qualcosa cambierà.

  6. newyorker Says:

    sono d’accordo con te ani

  7. ilaria Says:

    EVACONTROOGNIVIOLENZASUGLIANIMALI

  8. supercri Says:

    non è che si vanta, lo è…non in materia di corrida, sicuramente! pur amando moltissimo la spagna sono contraria anch’io!

  9. newyorker Says:

    ribadisco…un Paese che pratica certe atrocità sugli animali può essere culturalmente avanti sulla carta ma non nella realtà, facciamo attenzione al vero significato della parola Cultura.

  10. Michela Says:

    contenta che si svolga nel giorno del mio compleanno, tiè.

  11. ilredeire Says:

    Sono pienamente d’accordo con quanto scrivi, uccidere un animale in modo barbaro, pone l’uomo al di sotto della classe umana, la corrida è solo un esempio di quanto possa essere barbaro un essere che si vanta di appartenere alla classe umana.
    In tale massacro non ci trovo nulla che sia umanamente al pari con i tempi, la civiltà si evoluta, restare ancorati a tradizioni del passato così ciniche e crudeli, è a mio avviso un atto di deliberata idiozia, dal mio punto di vista ogni torero merita di morire infilzato dal toro.
    Ogni oppressore merita di perire per mano della propria vittima, in qualsiasi campo della natura, per cui se un toro attacca un uomo è chiaro che propendo per l’incolumità dell’uomo, ma se un uomo è talmente idiota da sventolare un panno rosso innanzi agli occhi di un toro, be quello se la va a cercare, allora chi è causa del suo mal pianga se stesso!
    La Spagna si sta evolvendo in alcuni campi, dal punto di vista delle unioni di fatto e del riconosciere alcuni diritti a tutti i cittadini è sicuramente all’avanguardia, resta il fatto che in Spagna rimangano ancora tante situazioni da sanare, come del resto anche l’Italia non è che navighi nell’oro dal punto di vista Culturale; in Italia il razzismo, non solo quello extracomunitario, ma anche quello relativo al meridione e settentrione è una piaga ancora insanata, l’evasione fiscale in Italia è una piaga che a mio modo di vedere è insanabile, ogni paese ha le sue lacune ed i suoi punti di forza.
    In Italia l’arte è molto apprezzata, è un paese relativamente piccolo rispetto agli altri stati europei o mondiali, eppure tanti artisti si sono distinti agli occhi del mondo, la Cultura è anche saper relazionarsi con gli altri, ultimamente alcuni italiani hanno fatto la cazzata di fischiare l’inno francese, ciò mi è sembrato molto rozzo anche se il transalpino Domenech ci ha provocato, come il torero che provoca il toro e lo invita a buttarsi addosso alle sue spade, siamo caduti nella trappola e allora quello che mi domando non è perchè gli spagnoli godono a vedere una corrida, bensì perchè il toro continua a reagire quando vede il colore rosso, possibile che non riesca a generare una sorta di imprinting nel suo DNA che gli permetta di evolversi e con ciò evitare di finire infinitamente infilzato dalle lame del proprio oppressore?!
    [E’ proprio vero che ad un toro è impossibile fargli cambiare idea, se decide in un modo continua fino a sbatterci le corna (astrologicamente parlando!)]

  12. newyorker Says:

    ben detto redeire!

  13. lois lane Says:

    architè culla culturale del mondo intero???
    ma si rende conto di come la trattaiamo la culla?
    povera patria

  14. newyorker Says:

    come la trattiamo è un altro discorso….mi riferivo comunque alla Storia e cioè ai Dante, i Manzoni, i Leonardo, i Michelangelo……nessuno ci ha o potrà mai uguagliarci ….

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger cliccano Mi Piace per questo: